Il terzo trimestre di gravidanza: una nuova fase

Il terzo trimestre di gravidanza: una nuova fase

Percorso di accompagnamento alla nascita e continuità assistenziale.

L’inizio del terzo e ultimo trimestre di gravidanza (settimana 28) rappresenta una nuova fase: il grembo e il bimbo fanno sentire che il tempo per contenere sta finendo e che si va verso il mettere al mondo. Il bambino si fa sentire di più, sia fisicamente attraverso i movimenti, sia attraverso pensieri ed emozioni.

Si tratta di una fase transitoria delicata, dove termina la gravidanza, ha luogo la nascita e inizia il periodo post-parto in cui emergono altri aspetti, come ad esempio l’allattamento. È importante sentirsi al sicuro e sapere che non si è sole.

gravidanza terzo trimestre pre parto

I movimenti del bambino nel terzo trimestre di gravidanza

Si mostrano sempre più presenti e diversi, dis-cordanti dalla mamma, nei tempi e nei ritmi sonno-veglia. Non viaggiate più sulle stesse corde: quando la mamma si rilassa il bimbo inizia la sua danza. Il bimbo d’incanto, in simbiosi con la mamma, sta crescendo e man mano che cresce, cambia, ha ritmi e bisogni diversi da prima e diversi dalla mamma. 

I movimenti dei bimbi in questo tempo hanno un’intenzione, non sono leggiadri e casuali. Dunque, sentire le loro spinte verso il basso, i piedini puntati sotto le coste, i loro corpicini che si allungano dentro al vostro o il singhiozzo è importante. Il peso della pancia aumenta e lo spazio per il bimbo diminuisce. Insomma, è un tempo faticoso, a volte fastidioso e grazie al cielo di transizione. È un tempo in cui si è spinti dalla voglia di mettere al mondo la creatura: un po’ per questi piccoli e grandi fastidi e un po’ per la voglia di conoscerli.

Questi bimbi, così “ingombranti” in questo tempo, fanno infatti sentire la loro presenza non solo nel corpo, ma anche nel cuore e nella mente attraverso il sogno e i pensieri. Così, iniziamo a riconoscere che ci sono già, per davvero, e prepariamo il loro spazio. Ci predisponiamo al loro arrivo con una cura più profonda, una cura diversa fino a quella avuta ora e che varia da donna a donna.

Preparazione e accompagnamento alla nascita

È un tempo di quiete e grandi litigate, è un tempo in cui mettiamo le cose al loro posto, prepariamo l’ambiente all’interno del quale diverremo madri e padri e spesso nelle case, nelle famiglie, c’è bisogno di un ordine nuovo che inizierete a preparare fin d’ora. 

In questo tempo, frequentare un percorso di accompagnamento alla nascita e di continuità assistenziale comporta enormi vantaggi: oltre a quelli informativi, dona benessere psico-fisico e prepara un terreno sociale in cui poter stare anche nel post-parto. Il valore di un percorso nascita è riconosciuto anche dall’OMS come prevenzione a molteplici fattori di rischio pre parto e post parto.

Allo stesso modo, il ministero della salute – all’interno delle linee guida per la gravidanza fisiologica – sottolinea come la figura dell’ostetrica sia di riferimento per le gravidanze a basso rischio. Quest’ultima può assistere la gravidanza in autonomia o affiancata da un ginecologo, in base alle necessità cliniche o alle vostre preferenze. 

Conoscere la propria ostetrica fin dalla gravidanza e sapere di poter contare su di lei come professionista, guida e custode anche dopo la nascita dà sicurezza e costituisce un buon presupposto per iniziare bene. 

Percorso nascita: corso pre-parto

Un corso di preparazione e accompagnamento alla nascita vi permetterà non solo di informarvi, ma anche di esprimere voi stesse, le vostre sensazioni e i vostri bisogni. È un’opportunità per vivere l’esperienza della gravidanza con ascolto e amore – e non solo come un evento fisiologico – affinché possiate sentirvi protette e pronte a mettere al mondo i vostri bambini.

Stai cercando un corso pre-parto per prepararti alla nascita del tuo bambino? Oppure sei interessata alla continuità assistenziale post-parto? Contattami per ricevere tutte le informazioni sui miei corsi.

Trovi qui una completa descrizione del percorso nascita in coppia o solo per te.

Se ti senti sicura e soddisfatta sulla parte teorica di preparazione alla nascita, ma hai bisogno di lavoro corporeo per preparare le doglie, gli incontri settimanali di movimento in gravidanza con l’ostetrica sono la soluzione.

Per una vera e propria continuità assistentenziale con la tua ostetrica fin dalla gravidanza, il modo è questo.

Per avere la tua ostetrica nel tempo dopo il parto, leggi qui.

Seguimi per scoprire tutti i consigli.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Baghya Turturici

Baghya Turturici

Credo nelle donne, credo nei bambini e credo che l’amore sia nutriente. Al parto si esce, la nascita è incontrarsi. Iniziare bene, nonostante tutto.

Mi trovi su Instagram

Ultimi post

On Key

Related Posts

Doglie: come gestire il dolore

Nell’articolo di settembre si è visto che le doglie hanno una funzione: quella di indicare alla madre come muoversi per aiutare il bambino a venire

Smettere di allattare

Smettere di allattare: chi, come, quando e perché. Dalle indicazione OMS al sentire di ciascuna, con una buona dose di ciò che osservo nella professione